La più grande delle magie

Dalla mia personale passione per la saga letteraria di Harry Potter, unita alla competenza nel campo della psicologia e alla voglia di scrivere che mi accompagna da sempre, nasce un libro rivolto ad adolescenti e giovani, ma anche a coloro che li accompagnano in quella vera e propria magia che è trovare il proprio modo di stare al mondo.

Ho sempre ritenuto che la psicologia tradirebbe la propria “missione” se si limitasse a curare situazioni di disagio, senza usare le proprie conoscenze per favorire condizioni di benessere. E questo a mio parere significa impegnarsi in azioni di tipo educativo, azioni che credo debbano avere come destinatari privilegiati proprio i più giovani. Da questa convinzione nasce l’idea di incontrare i ragazzi laddove sono, ad esempio nella passione per libri o film, e nello specifico per quelli di Harry Potter, usando la sua storia per veicolare messaggi importanti, che possano aiutare i più giovani (ma non solo) ad orientare la propria crescita.

Il percorso proposto nel libro trae origine da un messaggio che emerge molto chiaro dalle vicende narrate da J.K. Rowling ed espresso in modo sublime nelle parole di Albus Silente: “Sono le scelte che facciamo che dimostrano chi siamo veramente, molto più delle nostre capacità”

A partire da questa grande verità, il  mio intento è accompagnare i lettori in un viaggio immaginario tra le mura di Hogwarts, per incontrare i vari personaggi che le animano e riflettere sulle loro scelte di vita, al fine di orientare le proprie, nella certezza che la più grande della magie immaginabili sia proprio questa: scegliere e diventare ciò che si vuole essere.

immag_finale con domande

Il libro ha un linguaggio colloquiale, adatto ad adolescenti e giovani, ma può diventare utile traccia per educatori ed insegnanti, oltre che per i genitori. 

Si presta ad essere utilizzato nelle scuole per stimolare riflessioni importanti, così come a divenire pista di lavoro negli oratori e per i campi scuola.

CHIUDI
CHIUDI