#femminismopedagogico

Femminismo pedagogico

Violenza sulle donne

Da anni in Italia si sente parlare costantemente di femminicidi e il loro numero sembra non diminuire mai. L’estate 2018 ha visto un’escalation impressionante del fenomeno.

Ma cosa indica questo termine (che molti vorrebbero bandire)?  Il femminicidio è un omicidio maturato all’interno di una relazione che dovrebbe essere di amore. Si riferisce all’uccisione di una donna in quanto tale, di solito perché cerca di sottrarsi ad una relazione insoddisfacente, per mano del partner o dell’ex-partner che non accetta il rifiuto e vive la donna come un possesso.

Per quanto sia un fenomeno numericamente significativo, è solo la punta dell’iceberg di una violenza continua ai danni del femminile: ci sono donne e ragazze che subiscono abusi e soprusi fisici, donne e ragazze che vivono relazioni caratterizzate dalla violenza psicologica, donne e ragazze vittime di stupro, non di rado da parte di gruppi di uomini.

E dall’altra parte ci sono donne (spesso madri) che non difendono altre donne (spesso figlie, addirittura le loro figlie), anzi alcune volte le attaccano. Per vergogna, per quell’innata capacità che noi donne abbiamo di giudicarci e metterci sempre le une contro le altre, per paura di mettersi contro il “potere” maschile o semplicemente per ignoranza, proprio noi donne riusciamo a dire che quelle di noi che sono uccise o stuprate “se la sono cercata” e forse, dopo tutto, se lo sono anche meritato.

Io non ci sto!

Non ci sto a colpevolizzare le mie simili quando è chiaro che la colpa è di uomini che non sanno amare, che non sanno cosa sia l’amore e non hanno la minima idea di cosa significhi il rispetto dell’altro. Non ci sto a dare la colpa a donne, ragazze e bambine, che stanno cercando di capire chi sono e stanno provando a trovare il modo migliore per vivere la propria vita, magari piena di difficoltà agli altri ignote. E non ci sto a dare la colpa agli uomini, a tutti gli uomini in generale, perché non tutti sono dei “mostri” e io ho la fortuna di conoscerne molti che sono ben altro.

Andare oltre

Ma allora la colpa di chi è? Della televisione? Della cultura? Delle famiglie che non seguono i figli o della scuola che non educa alle differenze di genere? Dei pregiudizi che non riusciamo a mettere al bando? Ci penso da un po’, cerco di farmi un’idea di quello che sta accadendo oggi e di quello che è sempre accaduto in Italia, così come in tutto il mondo. E l’unica risposta che riesco a darmi è che bisogna ripartire dall’educazione.

Dirò di più, bisogna ripartire da un femminismo pedagogico.

Per le vittime di femminicidio, per le ragazzine stuprate a cui viene detto che “se la sono cercata”, per tutte le donne che subiscono abusi di ogni tipo e non hanno la forza di reagire, ma anche per i tanti uomini che non sanno amare le donne perché nessuno lo ha insegnato loro. Per tutti costoro c’è bisogno di un nuovo femminismo. Un femminismo non di protesta, ma pedagogico, che educhi le nuove generazioni alla comprensione della parità tra uomo e donna, nel riconoscimento delle differenze reciproche, e alla creazione di rapporti improntati al rispetto reciproco.

Non quindi una pedagogia delle differenze di genere, di cui si sente parlare da anni in ambienti femministi, non è quella che ci serve: le differenze tra i generi le conosciamo bene e non ha senso né fingere che non esistano né sottolinearle ulteriormente. E non ci serve neanche una pedagogia del gender, come si sbandiera da più parti in questi ultimi anni: ulteriori complicazioni non renderanno i nostri figli maggiormente capaci di capire chi sono e come vogliono vivere la propria vita relazionale e sessuale. La priorità è un’altra.  Occorre un nuovo tipo di educazione, che formi nuove generazioni di persone realmente capaci di vivere in modo nuovo tutti i rapporti con gli altri, chiunque essi siano. Un’educazione che deve partire dalle nostre case, da noi donne, madri di oggi o di domani.

Educare al rispetto

Noi donne, infatti, abbiamo il dovere di educare le nostre figlie a pretendere il rispetto degli altri, dicendo loro che un uomo che ci ama non ci impedisce di uscire con gli amici e con le amiche, non dice che è meglio restare a casa invece che proseguire gli studi, non ci picchia perché geloso, arrabbiato, stanco o qualunque altro stupido motivo, non ci uccide perché ci ama troppo per lasciarci andare via.

Inoltre abbiamo il dovere di insegnare ai nostri figli maschi che le donne valgono esattamente come loro, che non sono solo corpi da sfruttare per il proprio piacere o oggetti di loro proprietà, che non sono tutte prostitute solo per il fatto di essere donne, che oltre al corpo possiedono una mente in grado di funzionare, anche piuttosto bene. Abbiamo il dovere di insegnar loro che quando una storia d’amore finisce si soffre, ma poi si può andare oltre e lasciare che anche l’altro continui la propria vita. Dobbiamo insegnare alle nostre figlie e ai nostri figli che tutti, uomini e donne, godiamo degli stessi diritti e meritiamo lo stesso rispetto.

E dobbiamo smettere di guardare le altre donne con cattiveria, pronte a notare il minimo segno di trucco sbavato o di grasso addominale. Smettere di svalutare le donne per dar maggior credito a ciò che dicono/fanno gli uomini solo perché sono uomini e hanno sempre gestito loro il potere e il prestigio. Smettere di giustificare i soprusi degli uomini e la loro violenza nei nostri confronti. Smettere di accettare che ci guardino o parlino di noi con malizia (quando va bene). Non si può più accettare che per offendere qualcuno si chiamino in causa, con epiteti tutt’altro che gentili, la madre o la sorella. Non si può più accettare che donne si vedano costrette ad uccidersi perché qualcuno mette in rete immagini della loro vita sessuale come vendetta per un tradimento o la fine di una storia, o “semplicemente” per incoscienza.

Logicamente un’educazione di questo tipo non può e non deve essere esclusivo appannaggio delle donne. Il compito di educare a relazioni sane è anche degli uomini: padri, nonni, zii… che sappiano andare controcorrente e mostrare quanto sia bello poter essere uomini e donne autonomi, sani, rispettosi dell’altro, capaci di relazioni fondate su un amore sano, rispettoso e vero.

Per puntare a questo obiettivo nascono i miei articoli della categoria #femminismopedagogico: uno spazio di riflessione e, spero, di crescita per chi vuole imparare a vivere o insegnare a vivere relazioni all’insegna del rispetto per gli altri, uomini o donne che siano!

 

La versione originale di questo articolo è apparsa su Cittanuova.it il 24/10/2016. Leggi l’articolo

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.